svegliaitalia,opinioni,politica,democrazia,impegno,progresso,blog personale di piero63, SvegliaItalia | SvegliaItalia | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

SvegliaItalia
impegnarsi tutti un pò di più, per non tornare indietro


 

Inizia questa nuova e speriamo grande avventura del Partito Democratico. Grazie a questa novità,si autoriforma la politica italiana ,o almeno parte di essa. Saremo in grado di attuare le riforme che ci siamo prefissati ? Nessuno può adesso dare una risposta,ma sono convinto che se non partecipiamo tutti quanti,chi più chi meno,al cambiamento,questo non ci sarà. Dobbiamo farlo per i nostri figli e per il nostro paese. Se l'Italia esce da questa crisi ,sia economica che etica ,allora si libereranno molte energie,non si faranno più guerre tra poveri e si potranno concentrare gli sforzi sui veri mali che ci affliggono e rendono questo paese così ingiusto.

Questo è ciò che scrissi quando aprii questo Blog. Le stesse parole le potrei riscrivere adesso , forse sarei più pessimista, in questo lasso di tempo non un problema è stato, risolto anzi sembrano tutti peggiorati ed altri se ne sono aggiunti.
Che dire e che fare allora ?
Premesso che quando si toccano le libertà degli individui e delle organizzazioni si lotta e si RESISTE.
Mi sembra che il problema più grave che abbiamo difronte per adesso è la crisi economica , trovare i modi e i tempi per uscirne tutti fuori è la priorità che tutto il paese da destra a sinistra , dal nord al sud deve darsi.
Da qui la speranza che non si creino falsi nemici e che si affrontino i veri nodi della crisi. 



ATTENZIONE : Questo blog è un prodotto amatoriale al quale non può essere applicato l'art. 5 della legge 8 Febbraio 1948 n. 47, poiché l'aggiornamento delle notizie in esso contenute non ha periodicità regolare (art. 1 comma 3, legge 7 Marzo 2001 n. 62). Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e i post editi hanno lo scopo di stimolare la discussione e l’approfondimento politico, la critica e la libertà di espressione del pensiero, nei modi e nei termini consentiti dalla legislazione vigente. Questo blog non persegue alcuno scopo di lucro. Tutto il materiale pubblicato su Internet è di dominio pubblico. Tuttavia, se qualcuno riconoscesse proprio materiale con copyright e non volesse vederlo pubblicato su questo blog, non ha che da darne avviso al gestore e sara' immediatamente eliminato. Dichiaro, inoltre, di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi a me, nemmeno se gli stessi vengono espressi in forma anonima o criptata.
 

                                             
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

        LA TV ALTERNATIVA


" NO PIZZO "


" BELLA CIAO "


" El Che vive "
Ha creduto in un futuro migliore
è morto per un futuro migliore
noi lo ricordiamo per un futuro migliore


El Che Vive - The funniest home videos are here




In ricordo di
Peppino Impastato


Il Papa ad Agrigento



I funerali di Enrico Berlinguer



Gli inceneritori in Sicilia



Disegni di bambini che
hanno subito delle violenze



Tutti i lunedì alle ore 14,00
In diretta Marco Travaglio



Funerali di Stato alla cattedrale
di Palermo per i 5 uomini
della scorta di Paolo Borsellino


Basta! Parlamento pulito




I fatti sono come macigni
stanno là.
Solo chi non li
vuole vedere non li vede.


La storia delle cose
(video da non perdere)



 Piazza Alimondi
 ( Francesco Guccini )



Canzone x il Che
( Francesco Guccini )

 

POLITICA
3 marzo 2014
Si rivota... ( riflessioni dopo l'ultimo mio post ).

Era il 28/10/2012 quando scrissi l'ultimo mio post su questo blog, eravamo alla vigilia del voto per l'assemblea regionale siciliana.

Oggi a distanza di 17 mesi mi rileggo e ricordo le sensazioni e le speranze di quei giorni.

Se ritornassi indietro, lo riscriverei per come l'ho scritto, ma con l'esperienza vissuta all'interno del movimento in tutto questo periodo, oggi, posso analizzare ciò che per me è ancora attuale e ciò che invece non lo è più.

I partiti hanno gli stessi limiti di prima, hanno cercato di rifare il trucco, ma sotto lo strato di crema, sono gli stessi. Il sistema da loro creato è ancora funzionale al loro mal costume, quindi su questo fronte, niente di nuovo.

Il movimento invece mi ha fortemente catturato, ho percepito da subito , l'innovazione e la voglia di cambiamento, ho perciò seguito l'istinto, ho partecipato attivamente alla sua crescita e al buon esito del suo processo democratico interno. I fatti, ben noti ai più, hanno invece tagliato le ali a chi voleva dare un imput di partecipazione reale della gente, a chi voleva far seguire i fatti alle tante promesse urlate in piazza. La verità purtroppo è molto più cruda e anche più misera dei sogni, come al solito dietro alle belle idee ci stanno altri interessi, ci stanno posizioni di potere che non si vogliono nè condividere nè tantomeno eliminare, la storia si ripete per l'ennesima volta, ciò che si dice non corrisponde a ciò che si fa, la cattiveria, l'ignoranza e la voglia di potere dell'uomo distruggono ciò che è buono. 

Nonostante ciò, credo, che questa esperienza sia stata utile, se ovviamente il popolo italiano saprà limitarne il raggio d'azione, perchè avrà dato una scossa ai partiti tradizionali, quelli che ci hanno portato alla rovina, e avrà indicato una strada nuova, a chi volesse tracciarla meglio, per una futura forza politica che sappia coniugare ciò che di buono c'è nel movimento con i principi di vera libertà e vera democrazia, insomma una forza che non sia di proprietà di una o due persone, ma sia di tutti coloro che vorranno costituirla e vorranno farla crescere.

Credo che nella vita tutto sia utile perchè tutto può essere migliorato, le basi però per fare questo edificio devono essere solide e non devono avere delle contraddizioni al suo interno, pena il crollo di tutto quanto con il rischio che qualcuno si faccia sul serio del male.


DIARI
21 marzo 2011
Ultime news dell'agenzia A.N.S.I.A.
 Da anni ormai la la democrazia in questo paese è pura formalità, i vari poteri che dovrebbero essere autonomi e bilanciarsi fra loro sono tutti asserviti ad un'unico potere.
Il capo del governo è il presidente della repubblica sono la stessa cosa, non c'è più magistratura indipendente e la carta costituzionale è stata sostituita con un deplian azzurro.
In questo clima gli ultimi fatti sanno di rivolta, si rivolta.
Anche in questo maledetto paese la gente ha deciso di scendere in piazza e di chiedere più libertà e giustizia, il regime non ha voluto ascoltare tali richieste e anzi ha minacciato che se le manifestazioni di piazza non si fermeranno sarà usata mano dura.
Questo è quello che accadeva qualche mese fa, nel frattempo abbiamo assistito ad una escalation della situazione, le manifestazioni pacifiche sono state drasticamente attaccate dalle forze dell'ordine,  se all'inizio erano cariche con manganelli e lacrimogeni sono presto passati a veri e propri conflitti armati, la polizia ha sparato sulla folla e queste per difesa hanno occupato varie città tra le quali, Firenze, Bologna, Perugia, Genova, Napoli.
Il governo ha ordinato di liberare queste città e di borbardare le case dei civili sia dal cielo che da terra che dal mare.
"Saranno tutti sterminati questi topi e traditori della patria" così a detto il presidente riferendosi ai ribelli.
La situazione è molto grave colonne di truppe leali al presidente si stanno avvicinando a Firenze mentre Napoli è circondata, alcune truppe delle forze armate hanno disertato perchè non hanno voluto ubbidire ad un'ordine che li portava ad uccidere dei connazionali che volevano solo la democrazia.
Il presidente sta usanso anche dei mercenari che provengono da altre nazioni per sparare alla popolazione, sta avvenendo  insomma una carneficina.
Il tribunale dell'A.I.A. ha richiamato il governo a fermare l'attacco verso i civili oppure sarà costretto ad aprire un fascicolo per genocidio....
Tale appello è passato inascoltato.
I rivoltosi che credevano all'inizio di poter arrivare a Roma e costringere il presidente alle dimissioni e per questo motivo, non hanno chiesto anzi hanno rifiutato l'aiuto a loro offerto da alcuni stati vicini, adesso davanti agli attacchi effettuati dalle forze lealiste che stanno usando mezzi molto più forti e numerosi e avanzati dei loro e ciò li sta portando a perdere questa rivoluzione e ad aprire la possibità per una vendetta del dittatore, adesso che il massacro di quanti uomini donne e bambini hanno osato ribellarsi è imminente, adesso chiedono ad alta voce un intervento dell'O.N.U.  e chiedono che ciò venga fatto subito prima che sia troppo tardi......

P.S. : Secondo te è giusto che il mondo aiuti i ribelli e attacchi le forze lealiste creando magari una no fly zone ? Oppure bisogna farsi gli affari propri ?
Inoltre è giusto che tra chi si ribella ad un reggime dittatoriale e le forze del dittatore che reprime tale rivolta, ci sia, nei nostri tempi, una differenza così ampia dei mezzi militari usati ?

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. democrazia libertà gheddafi no fly zone

permalink | inviato da piero63 il 21/3/2011 alle 3:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
POLITICA
17 marzo 2011
Dove sta andando il mondo ?
Ho la sensazione che i giornali anche quelli che raccontano le vicende giapponesi in modo grave, non siano realistici perchè i giapponesi stanno nascondendo delle tragiche verità.
La mancanza di democrazia e di informazione è un'altro motivo che fa riflettere sulla necessità di costruire centrali nucleari.

Un'altra riflessione, questi tragici fatti, terremoto, tsunami, radiazioni, stanno rovinando da una parte il Giappone e i giapponesi, ma contemporaneamente stanno favorendo Gheddafi che sta sconfiggendo quanti avevano creduto in una Libia più giusta e libera ma gli occhi e le orecchie del mondo si sono distratti e i nostri governati a livello mondiale, non gli è sembrato vero di poter scaricare i ribelli e farli massacrare dal dittatore.

Sono sinceramente nauseato, bugie, ipocrisie, interessi economici che valgono più delle persone.. e tanto altro ancora mi fa dire che se la gente non si occupa in prima persona di tutto ciò che può incidere sulla tua vita o prima o poi verrà fregata.

SOCIETA'
27 aprile 2009
La vera differenza è tra chi pensa e chi no.
In questo mondo, da sempre, ci siamo divisi per religione, per partiti politici, per cultura, per colore della pelle, per bellezza esteriore, per ricchezza, per ruolo istituzionale, per potere inteso nella forma più generale, per etnia, per sesso e tendenze sessuali ecc..ecc..
Considero invece che l'affermazione di Norberto Bobbio, un grande filosofo del novecento, che riteneva che la gente si dovesse differenziare tra coloro che pensano e coloro che non pensano, sia la più esatta.
Tranne alcuni casi, non tanto pochi per dire la verità, di quanti usano la mente per delinquere e penso perciò che in fondo non la usino nè bene nè tutta, tutti gli altri a prescindere da ciò che fanno e da ciò che sono, potrebbero tranquillamente convivere e trovare sempre dei compromessi alti che riducono a zero la possibilità di scontri e guerre.
L'intelligenza a servizio dell'uomo, l'equità contro l'ingiustizia.
Se usiamo questo metodo, su qualsiasi terreno possiamo confrontarci, troveremmo sempre un accordo, condivisibile dalla stragrande maggioranza in maniera netta, ma dove anche una possibile minoranza non ne uscirebbe male.
Questo dovrebbe essere il principio che promuove la Democrazia , ovvero un sistema che fa confrontare tante menti e che in seguito a questo fa una sintesi delle varie tesi e partorisce una linea comune ai più.
Nel mondo reale tutto ciò è quasi impossibile che avvenga senza traumi,perchè molti anche coloro che pensano si fanno coinvolgere in situazioni di potere e di oligarchie che sono la rovina della Democrazia come noi l'abbiamo intesa prima.

In questo caso, allora, sono molto importante le regole, le leggi uguali per tutti, che si sono approvate in stragrande maggioranza ( vedi costituzione ), e che non ammettono eccezioni ( vedi lodo Alfano ).
Se non si rispetta questa condotta allora tutto il sistema va in frantumi e la società si spacca con tutti gli eventi tragici che possono scaturire da ciò.

Un paese giusto, deve rispettare la libertà del singolo, che diventa il primo soggetto dello Stato in quanto unione di individui, che non obbliga i suoi cittadini al rispetto di leggi non dettate dalla riflessione umana e perciò non vicini all'uomo ai suoi difetti, alle sue debolezze, ai suoi bisogni elementari.
Un paese è giusto, quando non esistono dogma o decisioni non più soggette a discussione e cambiamenti.
Un paese è giusto quando dai propri errori e limiti crea le basi per un futuro migliore.
Un paese è giusto quando i propri cittadini sono FELICI di condividere gioie e dolori, perchè hanno realizzato che la libertà dell'individuo non termina con se stesso ma inizia da li per poi estendersi in tutti gli altri.
Un mondo così fatto non vedrebbe più grandi guerre, avrebbe più rispetto della natura, dei bambini, dei più deboli.
Questa è utopia ?
Secondo me no !
Se pensiamo da quali società proveniamo, con quante guerre e ingiustizie il nostro cammino si è confrontato, forse percepiamo che per ogni passo indietro fatto c'è ne sono stati due in avanti.
Il potere quello cattivo , quello dei pochi contro i tanti, quello è sempre presente e si è fatto pure più insidioso, cerca di confondersi di non farsi vedere, ma nello stesso tempo cerca di influenzare l'opinione pubblica.
Ciò nonostante, la capacità critica delle persone è aumentata, e ogni qual volta avviene uno scontro con quel mondo, anche quando si pensa di aver perso la battaglia, in realta si esce più rafforzati e pronti ad affontare nuovamente la controparte.
Questo perchè finchè esisteranno persone che mettono davanti a tutto il proprio pensiero e non lo vendono per pochi spiccioli, allora c'è la speranza per un mondo migliore.

Con ciò voglio affermare che non dobbiamo pensare che tutto è perso, che i più forti hanno avuto la meglio, che essendo al governo la destra e che ci rimarra chisà per quanto tempo ancora, perchè la sinistra è spaccata divisa senza troppe idee e programmi tutto è perso.
Innanzi tutto immagginiamocci parte di un processo più grande di noi che arriva da lontano e andrà lontano, immagginiamo che in questo processo sono previste fermate, indietreggiamenti e ripartenze.
Pensiamo, anche, che un miglioramento sociale e culturale diventa tale sul serio solo quando tutta la società ( destra , centro , sinistra ) la fanno propria.
Anzi i cambiamenti reali l'hanno realizzato proprio quei governi , a volte di destra a volte di sinistra... , che invece, prima, si pensava fossero i più lontani da accettare tale soluzione.
Ogni qual volta, tutto ciò avviene, abbiamo assistito ad una evoluzione della razza umana.

Perciò continuiamo a fare le nostre lotte , a creare nuovi obbiettivi, quando sono giusti o prima o poi saranno raggiunti.
POLITICA
16 aprile 2009
Si colpisce Vauro per colpire tutti noi.
X: Vauro sospeso .
Y: Vauro sospeso ?
X: Si ! Vauro sospeso.
Y: E perchè ?
X: Ha disegnato una vignetta dove c'era scritto : Aumento delle cubature , sotto un signore con la pala e tante casse da morto messe in fila, e il tizio con aria triste e preoccupata dice "Dei cimiteri ! ".
Y: Embè ? 
X: Embè che, non se pò fa, la gente si indigna , e poi proprio adesso una settimana dopo il terremoto !!
Y: Ma allora quando ? mi sa che ci avete rotto con sta storia del rispetto dei morti. Io sono dell'idea che le persone si rispettano meglio quando sono ancora vive , evitando il più possibile che accada l'irreparabile. Invece, questa ripetitiva regola non scritta che non so per quanto tempo non si devono nominare nè le cose che non funzionano e che non hanno funzionato, nè tanto meno  i morti , mi puzza un pò.  
X: Minchia sei sempre il solito, che vede malizia ovunque .
Y: Ha io sarei quello che ragiona male, e intanto Vauro è sospeso, la sua satira , sempre precisa e attenta alla società , non la possiamo più vedere da Santoro. Se questa la chiami DEMOCRAZIA...
X: Ma dai l'hanno capito tutti che hanno colpito Vauro per colpire Santoro e Anno Zero.
Y: No caro mio, Ti sbagli di nuovo non hanno colpito uno per educarne un'altro o altri due, ma per colpire tutti noi e la nostra libertà di essere informati.

X , Y : BELL'ITALIA...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. libertà satira vauro annozero santoro.

permalink | inviato da piero63 il 16/4/2009 alle 2:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
POLITICA
20 luglio 2008
Al Ministro e Onorevole della Repubblica Italiana Umberto Bossi

 

Caro Ministro , lei che vive grazie ai soldi di tutti gli italiani , anche di quelli che lei disprezza tanto. Se avesse un minimo di onestà intellettuale, dovrebbe dimettersi o non accettare lo stipendio di Ministro e anche quello di Deputato del popolo italiano.
Il suo Partito non dovrebbe prendersi i finanziamenti elargiti dallo Stato italiano.
E semplicemente non dovrebbe rappresentare tutta l'Itallia e tutto il suo popolo,davanti a chicchessia, anche se fosse un verme (senza nessuna offesa per i vermi).
Caro Ministro quel dito potrebbe gentilmente porselo nel suo cloaca ? Invece di offendere quell'inno se pur provvisorio di cui noi italiani ci siamo tanto affezionati ?
Caro Ministro io capisco che le sue parole possono essere interpretate come una provocazione al "sistema" (scusate la parentesi ma non c'è pure lei in questo sistema?) ,ma le sue provocazioni irritano altre persone ,offendono magari i familiari dei caduti per la patria,le sue provocazioni (scusate il gioco di parole) provocano un risentimento da parte di alcune persone che vivono male il loro essere abitanti della zona più ricca del paese,ciò che invece dovrebbe recargli tanta contentezza, e tale risentimento li trasforma in razzisti e violenti nei riguardi del diverso,forse sarebbe opportuno che qualc'uno la fermasse.
Ma se addirittura i suoi alleati di DESTRA che a parole difendono l'unità del paese ,ma nei fatti sono suoi complici nella distruzione, in cosa possiamo sperare ? Forse che finalmente anche i suoi più cari cittadini ed elettori ,capiscano la truffa, l'odio e le menzogne che lei divulga quotidianamente, e che siano loro per primi ad usare quel dito nei suoi riguardi.
Con affetto un cittadino del SUD fiero di esserlo e di avere tanti altri cittadini del resto del paese che al contrario di molti politici del suo stesso schieramento amano sul serio L'Italia.

POLITICA
15 luglio 2008
Cosa è successo ieri sera a Palermo :

"U Fistinu" della Santuzza a Palermo dura minimo 3 giorni.
Si festeggia la scomparsa "miracolosa" della peste da Palermo ,per opera di Santa Rosalia.
Il giorno più importante dei 3 è la lunga notte tra il 14 e il 15 luglio ,durante la quale si svolgono diversi spettacoli dalla narrazione del miracoloso evento alla processione con i carri ai giochi d'artificio .
Insomma una bella festa che il palermitano DOC non si fa mancare.
Come non devono mancare quella sera le panelle, lo sfincione, i babbaluci (lumache) ,le stigghiole,la calia e la semenza,il gelato ,l'anguria e ovviamente la BIRRA.
Ma non deve mancare un'altra cosa TRADIZIONALE a cui il palermitano tiene molto perchè se nò porta male.
Quando la processione ed esattamente il carro con la Santuzza arriva ai 4 Canti vecchi della città ,il sindaco deve salire sul carro e gridare forte" VIVA PALERMO  VIVA SANTA ROSALIA ".
ciò ieri sera non è accaduto,ma ripercorriamo tutta la serata dall'inizio.
La manifestazione inizia davanti a Palazzo dei Normanni o palazzo reale sede del Parlamento siciliano.
Qua si inizia a raccontare tra canti e suoni ciò che avvenne molti anni fa in Città,poi ci si sposta davanti alla cattedrale per la seconda parte dello spettacolo.
Ieri alle 18,00 diversi gruppi di cittadini si erano recati davanti alla cattedrale per manifestare il loro dissenso al sindaco e alla giunta comunale.
C'erano i senza casa ,con uno striscione nel quale c'era scritto "SANTA ROSALIA LIBERACI DA CAMMARATA",c'erano tanti cittadini con in mano delle fotocopie dei PASS per le automobili, in cui c'era scritto " A+B ABBIAMO BABBIATO" (abbiamo scherzato)perchè  una recente delibera del TAR li ha dichiarati illeggitimi.
Quindi con gravi danni all'economia della città ,perchè comunque il comune deve pagare il contratto con l'azienda che si occupava della loro applicazione e i cittadini che a loro volta rivogliono indietro i soldi.
Cosa avevano chiesto alcuni manifestanti ?
Di poter leggere un loro messaggio alla gente dal palco prima che iniziasse la seconda parte dello spettacolo.
Il sindaco che non si fa vedere ed entra da una porta secondaria in chiesa, decide di non accettare questa richiesta.
Allora iniziano i malumori e degli scontri con la polizia.
Il risultato di tutto ciò : 2 manifestanti in ospedale perchè cadono a terra in malo modo e 3 fermati dalla polizia.
Ma la festa deve continuare , un carro di Santa Rosalia  così veloce ad attraversare il Cassaro ovvero corso Vittorio Emanuele in vita mia non l'avevo mai visto,arrivato alla Marina inizia il concerto di Nino D'Angelo poi di seguito i giochi d'artificio e poi a concludere questa notte palermitana il concerto dei Tinturia.
Quello che è avvenuto ieri a Palermo è emblematico della situazione nazionale.
Una classe politica che non vuole essere giudicata e non sa neanche chiedere scusa se sbaglia e addirittura si nasconde davanti al popolo.
I fatti di Del Turco , la velocità con la quale il nostro premier si è affrettato per dare solidarietà agli arrestati mi puzza.
Io non accetto e se fossi Del Turco non accetterei queste parole di affetto, che provengono da un uomo che subito dopo averle pronunziate ha detto che ci vorranno delle altre iniziative per risolvere il problema giustizia.
Per me se chi rubba è di destra o di centro o di sinistra non fa alcuna differenza ,sempre ladro è.
La società deve essereviggile ,dobbiamo con forza chiedere che, chi ci governa non abbia immunità.
Ci stanno fottendo l'Italia ,il nostro sistema ,ormai non ci sono più dubbi, è al capolinea .
Tutti questi problemi, dai bambini Rom ,alla criminalità dei clandestini, servono per distogliere l'attenzione dal vero problema italiano ovvero che l'economia va male anzi peggio di prima.
Non c'è la volonta reale di risolvere tale crisi perchè molti potenti potrebbero rimanerci fregati
Allora si devono togliere quei minimi controlli che ha una vera democrazia ,cioè l'informazione,la magistratura efficiente e giusta,la possibilità della gente di votare effettivamente chi vuole.
noi però
NON MOLLIAMO.

POLITICA
4 luglio 2008
Noi abbiamo questi valori :Libertà,Giustizia,Democrazia e non molleremo mai.

 

sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte