svegliaitalia,opinioni,politica,democrazia,impegno,progresso,blog personale di piero63, SvegliaItalia | SvegliaItalia | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

SvegliaItalia
impegnarsi tutti un pò di più, per non tornare indietro


 

Inizia questa nuova e speriamo grande avventura del Partito Democratico. Grazie a questa novità,si autoriforma la politica italiana ,o almeno parte di essa. Saremo in grado di attuare le riforme che ci siamo prefissati ? Nessuno può adesso dare una risposta,ma sono convinto che se non partecipiamo tutti quanti,chi più chi meno,al cambiamento,questo non ci sarà. Dobbiamo farlo per i nostri figli e per il nostro paese. Se l'Italia esce da questa crisi ,sia economica che etica ,allora si libereranno molte energie,non si faranno più guerre tra poveri e si potranno concentrare gli sforzi sui veri mali che ci affliggono e rendono questo paese così ingiusto.

Questo è ciò che scrissi quando aprii questo Blog. Le stesse parole le potrei riscrivere adesso , forse sarei più pessimista, in questo lasso di tempo non un problema è stato, risolto anzi sembrano tutti peggiorati ed altri se ne sono aggiunti.
Che dire e che fare allora ?
Premesso che quando si toccano le libertà degli individui e delle organizzazioni si lotta e si RESISTE.
Mi sembra che il problema più grave che abbiamo difronte per adesso è la crisi economica , trovare i modi e i tempi per uscirne tutti fuori è la priorità che tutto il paese da destra a sinistra , dal nord al sud deve darsi.
Da qui la speranza che non si creino falsi nemici e che si affrontino i veri nodi della crisi. 



ATTENZIONE : Questo blog è un prodotto amatoriale al quale non può essere applicato l'art. 5 della legge 8 Febbraio 1948 n. 47, poiché l'aggiornamento delle notizie in esso contenute non ha periodicità regolare (art. 1 comma 3, legge 7 Marzo 2001 n. 62). Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e i post editi hanno lo scopo di stimolare la discussione e l’approfondimento politico, la critica e la libertà di espressione del pensiero, nei modi e nei termini consentiti dalla legislazione vigente. Questo blog non persegue alcuno scopo di lucro. Tutto il materiale pubblicato su Internet è di dominio pubblico. Tuttavia, se qualcuno riconoscesse proprio materiale con copyright e non volesse vederlo pubblicato su questo blog, non ha che da darne avviso al gestore e sara' immediatamente eliminato. Dichiaro, inoltre, di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi a me, nemmeno se gli stessi vengono espressi in forma anonima o criptata.
 

                                             
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

        LA TV ALTERNATIVA


" NO PIZZO "


" BELLA CIAO "


" El Che vive "
Ha creduto in un futuro migliore
è morto per un futuro migliore
noi lo ricordiamo per un futuro migliore


El Che Vive - The funniest home videos are here




In ricordo di
Peppino Impastato


Il Papa ad Agrigento



I funerali di Enrico Berlinguer



Gli inceneritori in Sicilia



Disegni di bambini che
hanno subito delle violenze



Tutti i lunedì alle ore 14,00
In diretta Marco Travaglio



Funerali di Stato alla cattedrale
di Palermo per i 5 uomini
della scorta di Paolo Borsellino


Basta! Parlamento pulito




I fatti sono come macigni
stanno là.
Solo chi non li
vuole vedere non li vede.


La storia delle cose
(video da non perdere)



 Piazza Alimondi
 ( Francesco Guccini )



Canzone x il Che
( Francesco Guccini )

 

POLITICA
3 marzo 2014
Si rivota... ( riflessioni dopo l'ultimo mio post ).

Era il 28/10/2012 quando scrissi l'ultimo mio post su questo blog, eravamo alla vigilia del voto per l'assemblea regionale siciliana.

Oggi a distanza di 17 mesi mi rileggo e ricordo le sensazioni e le speranze di quei giorni.

Se ritornassi indietro, lo riscriverei per come l'ho scritto, ma con l'esperienza vissuta all'interno del movimento in tutto questo periodo, oggi, posso analizzare ciò che per me è ancora attuale e ciò che invece non lo è più.

I partiti hanno gli stessi limiti di prima, hanno cercato di rifare il trucco, ma sotto lo strato di crema, sono gli stessi. Il sistema da loro creato è ancora funzionale al loro mal costume, quindi su questo fronte, niente di nuovo.

Il movimento invece mi ha fortemente catturato, ho percepito da subito , l'innovazione e la voglia di cambiamento, ho perciò seguito l'istinto, ho partecipato attivamente alla sua crescita e al buon esito del suo processo democratico interno. I fatti, ben noti ai più, hanno invece tagliato le ali a chi voleva dare un imput di partecipazione reale della gente, a chi voleva far seguire i fatti alle tante promesse urlate in piazza. La verità purtroppo è molto più cruda e anche più misera dei sogni, come al solito dietro alle belle idee ci stanno altri interessi, ci stanno posizioni di potere che non si vogliono nè condividere nè tantomeno eliminare, la storia si ripete per l'ennesima volta, ciò che si dice non corrisponde a ciò che si fa, la cattiveria, l'ignoranza e la voglia di potere dell'uomo distruggono ciò che è buono. 

Nonostante ciò, credo, che questa esperienza sia stata utile, se ovviamente il popolo italiano saprà limitarne il raggio d'azione, perchè avrà dato una scossa ai partiti tradizionali, quelli che ci hanno portato alla rovina, e avrà indicato una strada nuova, a chi volesse tracciarla meglio, per una futura forza politica che sappia coniugare ciò che di buono c'è nel movimento con i principi di vera libertà e vera democrazia, insomma una forza che non sia di proprietà di una o due persone, ma sia di tutti coloro che vorranno costituirla e vorranno farla crescere.

Credo che nella vita tutto sia utile perchè tutto può essere migliorato, le basi però per fare questo edificio devono essere solide e non devono avere delle contraddizioni al suo interno, pena il crollo di tutto quanto con il rischio che qualcuno si faccia sul serio del male.


POLITICA
27 marzo 2009
Per una vera alternanza.
Ho appena terminato di scrivere a favore di Franceschini, spero sul serio che il P.D. sappia guardare avanti e dare spazio ai tanti uomini e donne che fino a questo momento sono stati lasciati ai margini del partito in una posizione subalterna ai "capi".

Spero inoltre che con la giornata di oggi domenica 29/03/09 si è raggiunto l'apice del centrodestra, si è arrivati alla boa e adesso si cambia direzione.

Ma quale situazione politica ci troviamo difronte ?

Da una parte l'ipocrisia  e l'arroganza al potere.
Dall'altra parte l'innafidabilità e l'incapacità a governare.

In questo momento, mi dispiace dirlo, ma ha ragione il cavaliere , in Italia l'unica forza che può garantire, nel bene o nel male, la governabilità è la sua, purtroppo questo governo oggi non ha alternativa.
L'opposizione non ha prodotto un vero cambiamento negli anni in cui ha governato, anzi,  e non l'ha fatto non perchè incompetente o stupida, ma per le tante divisioni interne e per l'immobilismo che i partiti minori ma con un peso determinante per non far cadere il governo avevano.
I nodi vengono sempre al pettine, e i nodi della sinistra ora sono tutti chiari e ben visibili.
Quello che manca è un progetto per il futuro.
Che paese vogliamo ? Siamo sicuri che l'italia che vogliamo noi sia la stessa di quella che vuole la maggior parte della gente ?

Possiamo ancora oggi dividerci tra lavoratori dipendenti e datori di lavoro, tra precari e liberi professionisti ?
Non siamo in grado di pensare ad una società dove tutti rispettano delle regole ma che queste regole sono eque e giuste per tutti ?
Non ci rendiamo conto che in una normale famiglia italiana , ma non solo, ci stanno al proprio interno diversi generi di lavoratori ?

Per esempio, abbiamo il padre operaio, la madre impiegata statale e casalinga, un figlio libero professionista, un'altro con un lavoro precario, o la sorella che ha appena smesso i panni da studentessa e dopo un periodo di disoccupazione si aprirà un locale e diverrà commerciante
Non è più la società per classi che ci eravamo abituati a pensare , oggi c'è chi vive con il proprio lavoro e chi dall'alto gestisce e manovra grandi capitali, grandi imprese, grandi banche, grandi centri di potere anche a livello multimediale e dell'informazione ecc...ecc...

La modernità allora dove sta ?

La modernità sta nel capire tutto ciò e proporre una siocietà più libera , con meno tasse, con un'apparato pubblico che funzioni bene senza sprechi, dando un aiuto forte, e non solo economico, ma fatto di nuove regole, di meno burocrazia, con lo stato vicino all'uomo e non contro.
 
Questa parola così decantata e acclamata da tutti è in realtà sconosciuta ai più, basta con il passato , basta con i vecchi antagonismi, basta con le vecchie divisioni,un mondo nuovo diverso ci aspetta.
La destra si fa forte grazie alle sue enormi potenzialità economiche, ai suoi poteri anche occulti, e grazie ai suoi Mass Media, ci racconta quotidianamente molte balle che devono servire per tenere buoni i tanti e far arricchire i pochi, la sinistra potrebbe avere un'arma micidiale da contrapporre a loro, ovvero la ridistribuzione delle ricchezze , ma non solo a favore dello stato , che spesso le dilapida ma per far migliorare la situazione economica a più gente possibile.
Io credo che in un paese che faccia questo che dia a tutti la possibilità di vivere bene, che detti delle regole pari per tutti, dove si premia il meritevole e si aiuta colui che resta indietro.
Dove nessuno debba sentirsi diverso o prigioniero di stereotipi o con le ali spezzate,questo in un paese normale e in una società più giusta non sarebbe ammissibile e tollerabile.

I motivi per essere di sinistra ci sono e sono pure parecchi , l'importante è non chiudersi a riccio e affrontare il futuro con un'altra forza quella della ragione.
POLITICA
29 dicembre 2008
Chi l'avrebbe mai detto.
Giuro , non l'avrei mai pensato in passato di poter scrivere un post come quello che mi accingo a scrivere adesso.
Io comunista , che in anni passati ho difeso lo STATO in quanto istituzione in difesa e garanzia di tutto il popolo e soprattutto dei più deboli.
Io comunista, che ho difeso i PARTITI in quanto espressione genuina dell'umore e dei bisogni della gente e ho fatto parte del PCI ovvero il più grande partito comunista d'occidente che nonostante le normali imperfezioni che ci sono in organismi fatti comunque da uomini , era sensaltro un bel partito, dove si era orgogliosi di militare.
Io adesso senza nessun dubbio li attacco.
CONDANNO lo STATO perchè è una grossa palla al piede allo sviluppo , dopo che molti si sono arricchiti a nostre spese e ci hanno lasciato il conto da pagare, dopo che ancora oggi tantissimi poteri usano la legge per proteggere le loro caste e per continuare il soppruso , penso che questo STATO sia giunto a capolino.
CONDANNO i PARTITI che sono diventati delle macchine buone solo per spartirsi la poca ricchezza che è ancora rimasta, la partitocrazia ha distrutto questo paese , i partiti che dovevano essere l'espressione della gente sono ormai un'organizzazione di uomini che pensano solo a se stessi e ai loro amici, e il bene di tutti è usato solo come propaganda.
Il partito democratico che nelle aspirazioni iniziali doveva essere il nuovo che pensava al bene comune e che gettava le basi per creare una nuova idea di società possibile , dove il meglio della tradizione socialista e comunista si univa con l'umanità e la lungimiranza di un mondo cattolico , quello migliore più umano , ha fallito .
Ha fallito per colpa dei suoi dirigenti , non per le sue idee, non per la gente che invece lo ha votato in massa , ma per l'incapacità di unire il bisogno di sicurezza con il bisogno di credere in un mondo migliore anche se realizzabile in tempi lunghi.

Per riuscire in questo una classe dirigente nuova dovrebbe innanzi tutto crederci, poi essere molto severa con se stessa, e infine saper parlare alla mente e al cuore della gente.
Per riuscire in questo la nuova classe dirigente dovrebbe essere senza scheletri nell'armadio, senza prestar il fianco ai nemici, non essere ricattabile.
Questo non è stato , la sinistra al governo non ha saputo ben governare, non ha rispettato le promesse fatte ai propri elettori, a volte a dato dei colpi di mazza a destra o a sinistra solo per non inimicarsi certi ambienti.
Mai ha avuto un piano complessivo di ciò che stava facendo.
Infine sia al governo che oggi all'opposizione, ed è questa la sua colpa maggiora,  ha creato le condizioni affinchè la destra possa governare indisturbata per decenni.
Io un cambiamento di rotta ancora non lo vedo , anzi ci sono molti segnali che mi portano in direzione opposta.
Cari amici e compagni, cari elettori di destra , perchè conviene anche a voi avere una sinistra in grado di opporsi ad eventuali vostri errori, dobbiamo chiedere in tutti i modi che al congresso nazionale del PD, si faccia finalmente chiarezza, si creino le condizioni affichè in un futuro spero non molto lontano, una nuova dirigenza possa prendere le redini del partito e creare quella coltura adatta a far germogliare una pianta, quella della SPERANZA.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd futuro partitocrazia lo stato ingiustizia.

permalink | inviato da piero63 il 29/12/2008 alle 3:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (34) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte